Crea sito

Il primo volo in Italia

Il primo volo in Italia – Roma – Piazza d’Armi – 24 Maggio 1908

Ferdinand Léon Delagrange

(13 marzo 1872 – 4 gennaio 1910) – Scultore francese – Primo volo in Italia di un velivolo a motore.

 

Delagrange - Roma - 1908
Delagrange sul campo d’aviazione improvvisato a Roma 1908

 

Nel 1907 si è interessato al volo ed è diventato uno più importanti pionieri del volo a motore, ordinando tra i primi un aereo a Gabriel Voisin dei fratelli Voisin. Il velivolo sarebbe diventato uno dei primi aerei francesi di maggior successo, il Voisin 1907 biplano.

 

Pionieri
Farman, i fratelli Voisin e Delagrange (1907)

 

Il suo primo volo pubblico è stato effettuato il 16 marzo 1907 a Bagatelle in Francia. Le sue gesta presto attirato l’attenzione di tutto il mondo.

Nel 1907, Delagrange è stato eletto presidente della Aviation Club de France.

Dopo la distruzione del primo esemplare il 6 novembre 1907, Delagrange acquista un secondo aereo dai F.lli Voisin, il Delagrange II.

 

Incidente Delagrange No.1 1907
Incidente aereo di Delagrange il 6 novembre 1907

 

L’idea di portare il volo a motore in Italia

L’idea di iniziare in Italia esperimenti pratici di volo sorse in un gruppo di uomini di fervido entusiasmo e di sicura fede, con a capo l’on. ing. Carlo Montò, durante i primi successi riportati in Francia da Leone Delagrange, pioniere, fra i primissimi nel mondo, del volo.

Nel marzo del 1908, questo gruppo, del quale facevano parte il dott. Aldo Weillschott, il dott. Francesco Guastalla, l’avv. Cesare Goria-Gatti, il cav. Ernesto Cavalchini, si costituiva in Comi­tato presieduto dall’on. ing. Montò e partiva per Mourmelon le Grand per proporre a Delagrange di voler effettuare in Italia i suoi importanti esperimenti, ognuno dei quali doveva essere conside­rato come una piccola tappa verso la risoluzione definitiva.

Gli accordi furono conclusi e Delagrange venne in Italia, dove si organizzarono manifestazioni aviatorie, e precisamente a Roma, Milano e Torino: le primissime del genere anche per l’Europa.

Quando si diffuse la notizia della venuta di Delagrange per eseguire le sue esperienze di aviazione, pochissimi in Italia conoscevano la differenza che passa fra un pallone e un aeroplano.

Delagrange aveva allora 35 anni.

Delagrange a Roma

Delagrange giunse a Roma il 18 maggio 1908, insieme all’ing. Clovis Thouvenot della casa Fratelli Voisin di Parigi.

La capitale era stata tappezzata da innumerevoli manifesti multicolori, dai titoli roboanti “Delagrange volerà!” e “Oggi si vola!”

 

Manifesto Esperimenti di Aviazione Roma
Manifesto Esperimenti di Aviazione Roma – Maggio 1908

 

Manifesto Esperimenti di Aviazione Roma
Manifesto Esperimenti di Aviazione Roma – Maggio 1908

 

L’aeroplano di Delagrange era un tipo Voisin del peso complessivo di 550 kg, munito di un motore Antoinette 50 CV a otto cilindri a raffreddamento ad acqua del peso di 150 KG.

 

Voisin-Delagrange II - 1908
Voisin-Delagrange II – 1908

 

Il primo volo in Italia – Roma – 24 maggio 1908

Il 24 Maggio del 1908 in Piazza d’Armi (ai Prati di Castello), davanti alle più alte cariche politiche (il Ministro della Guerra, il Ministro della Marina, il Sindaco di Roma e perfino i Sovrani) e un’immensa folla, il prezzo per assistere: 20 centesimi. C’è vento. La gente è impaziente. La banda dei granatieri cerca di intrattenerla. Comincia a rumoreggiare. A fischiare. C’è vento.

 

La Domenica del Corriere - Anno X - N 23
La Domenica del Corriere – Anno X – N 23 – 07-14 giugno 1908 – I sovrani assisto alle prove di aviazione a Roma

 

Delagrange temporeggia: «È impossibile! Il mio apparecchio non resisterebbe (…) e poi ne va della mia pelle! Io sono uno scultore, non sono mica un uccello!». Si sparge la voce che lo spettacolo possa essere rimandato. già presa dall’impazienza, dalla delusione, incominciò a protestare rumo­rosamente per i numerosi tentativi falliti. Alle 18 circa, Delagrange si decide, sale a bordo e dà gas. Le ruote toccano ancora terra. Aumenta la velocità, arriva a 60 km., l’aereo di  Delagrange si alzò ad altezza appena percettibile da terra, poco più di un metro,  e riuscì così a percor­rere in volo la distanza di 1.800 m.

Fu primo volo di un aereo in Italia!

 

Delagrange Roma 1908
Il primo volo di Delagrange in Italia – Roma – Piazza d’Armi – 24 maggio 1908

 

I Record

 

Il 26 maggio Delagrange ripete la prova e a pochissima altezza riesce a compiere un volo di circa due km.

Il 28 maggio si eleva di due o tre metri dal suolo compiendo tre voli, due dei quali di oltre due km.

Il 30 maggio l’esperimento riesce più felicemente: Delagrange compie per sette volte il giro della Piazza d’Armi all’altezza di due-tre metri, per un tempo ufficialmente controllato di 13 minuti e 25 secondi, percorrendo 12 km e 750 m.

Conquistava così a Roma il primato europeo di volo per durata e distanza.

 

Illustrazione Popolare - Anno 39 - Vol XLV
Illustrazione Popolare – Anno 39 – Vol XLV – 7 giugno 1908 – L’Uomo Vola

 

Milano

Delagrange arrivò a Milano il 4 giugno. Le sue esibizioni erano annunciate da numerosi striscioni e manifesti, che titolavano perentoriamente “Delagrange volerà”, ed anche qui l’attesa era forte.

 

Manifesto - Delagrange volerà! - Milano
Manifesto – Delagrange volerà! – Milano – 8 giugno 1908

 

Milano aspetta Delagrange
Milano aspetta Delagrange – Giugno 1908

 

Il luogo dove Delagrange avrebbe volato era il Campo dei Palloni, nella ex area espositiva dell’ EXPO 1906.

 

Tribune e Hangar al Campo dei Palloni - Ex area Expo 1906 - Milano
Tribune e Hangar al Campo dei Palloni – Ex area Expo 1906 – Milano

 

Il 7 giugno domenica era prevista una prima esibizione per un pubblico scelto, ma pioveva a dirotto.

L’8 ci doveva essere la prima in pubblico, tutti i biglietti erano stati venduti, ma c’è ancora maltempo.

Il 9 Delagrange compì due giri del campo per un pubblico ristretto.

L’11 era ancora un giorno riservato ai VIP, 500 persone che avevano pagato una bella cifra per entrare. Ma dopo aver percorso poco più di 1 km, l’apparecchio ricadde pesantemente e nel brusco atterraggio il carter del motore si danneggiò.

Un motore di ricambio arrivò dalla Francia il 16, e venne rimontato nella notte; la sera del 17 si fecero le prime prove.

Il 18 giugno, in serata, ci fu la prima esibizione pubblica davanti a circa 25.000 spettatori. Delagrange compì diversi voli, ma non troppo lunghi, perché il nuovo motore aveva ancora bisogno di messa a punto.

 

 

Delagrange in volo a Milano
Delagrange in volo a Milano – Giugno 1908

 

Aereo di Delagrange a Milano
Aereo di Delagrange a Milano – giugno 1908

 

Il Mancato record del ¼ d’ora

 

Il giorno successivo Delagrange era in forma e tentò di battere il suo proprio record, percorrendo circa 17 km in 16’ 30”.

Il 23 giugno in serata Delagrange tentò di conquistare il premio nel frattempo messo in palio dal sindaco Ponti, per un volo senza soste di ¼ d’ora, ma in un primo tentativo toccò terra leggermente per un momentaneo calo del motore.

Senza darsi per vinto Delagrange dovette ricominciare tutto da capo, ma quando sembrava che ce l’avesse quasi fatta finì la benzina, dopo 14’ 27”.

Delagrange promise di fare un nuovo tentativo il giorno dopo, ma anche il 24 giugno, nonostante vari tentativi, fino a tarda sera, il record del ¼ d’ora resistette.

Cartolina Postale Delagrange Milano
Cartolina Postale Delagrange Milano – 21 giugno 1908

 

L’indomani la troupe levò le tende e partì per Torino

 

Torino

Il luogo per le esibizioni torinesi fu la nuova piazza d’armi.

Il debutto torinese avvenne il 27 giugno, con un motore che non era peraltro ancora perfettamente a punto, tanto che durante uno dei voli un calo improvviso di potenza gli  face sbagliare la virata, colpendo con un’ala un albero e finendo in un fosso. Delagrange venne sbalzato dall’aereo, ma non si fece male.

L’8 luglio nel pomeriggio le tribune erano gremite; Delagrange compì qualche breve volo, c’era ancora vento nella zona sud est del circuito. Finalmente le condizioni migliorarono, e Delagrange poté inanellare giri su giri, fra l’entusiasmo della folla.

 

Aereo Delagrange Torino 1908
Delagrange in volo a Torino – 18 luglio 1908

 

Sembrava l’occasione buona per battere il record di Farman, che in Francia era riuscito a volare per 20 minuti di seguito, ma a un certo punto il meccanico di Delagrange cominciò a sbracciarsi per farlo fermare, in quanto si era accorto di una perdita d’acqua dal motore e quindi atterrò per sistemare l’inconveniente; Delagrange espresse allora il desiderio di far volare una seconda persona e fece cenno alla sua compagna.

 

8 luglio 1908 – Prima donna al mondo ad aver volato.

 

Thérèse Peltier che salì a bordo, diventando la prima donna al mondo ad aver fatto un volo.

 

Leon Delagrange con Thérèse Peltier Torino 8 luglio 1908
Leon Delagrange con Thérèse Peltier – Torino – 8 luglio 1908 – Primo volo al mondo di una Donna (la didascalia sulla foto riporta in modo errato Milano)

 

Poi Delagrange face salire anche l’ing. Montù, capo della delegazione, facendo con lui un volo un po’ più lungo, con una mezza virata. La giornata finì solo verso le 21, tra un grande entusiasmo della gente.

Si concluse così la tournée italiana.

Il 4 gennaio del 1910, all’aerodromo di Croix-d’Hins, vicino a Bordeaux un cedimento strutturale del suo Blériot XI, stroncò prematuramente la sua breve vita.

Modellismoitalia

Nato a Catania nel 1964. Appassionato di Modellismo statico in particolare di soggetti italiani. Curo la mia passione dal lontano 1978.

Translate »
UA-96199414-1